Elon Musk afferma che non procederà con l’acquisizione fino a quando Twitter non dimostrerà che meno del 5% degli utenti attivi della piattaforma sono bot. La scorsa settimana aveva già annunciato una sospensione per indagare sulla questione, ha deciso di continuare e ora ha bloccato di nuovo la procedura.

Secondo l’imprenditore, almeno il 20% degli account della piattaforma sono falsi e i dati presentati dal social network non corrispondono.

In una nuova polemica, il miliardario afferma che il 20% degli utenti attivi di Twitter sono account falsi, una cifra 4 volte superiore a quanto sostiene la piattaforma.

Ieri 16 maggio, in una conferenza sulla tecnologia a Miami, Musk ha rafforzato la sua teoria ed è stato ironico quando ha commentato i dati di Twitter: “Al momento, mi è stato detto che non c’è modo di conoscere il numero di bot sulla piattaforma. È come se fosse sconosciuto come l’anima umana”.

In una dichiarazione a Bloomberg, Twitter ha dichiarato di essere impegnato a completare l’acquisizione al prezzo concordato e nei termini dell’accordo. A fine aprile è stato concluso l’accordo con l’imprenditore per 44 miliardi di dollari, considerando 226 milioni di utenti attivi.

Si ipotizza che Elon Musk stia utilizzando la controversia sui bot di Twitter come tattica per rinegoziare l’acquisizione a un prezzo inferiore. Ciò è rafforzato dalle parole del CEO alla conferenza di ieri, quando ha affermato che sarebbe stato aperto a un nuovo accordo a un altro prezzo.

Nonostante abbia affermato di essere impegnato a finalizzare l’acquisizione, Musk ribadisce di essere preoccupato per il numero di bot sulla piattaforma, quindi l’accordo sarà sospeso fino a quando tutte le informazioni non saranno verificate.

Restate sintonizzati sulle nostre frequenze ed appena avremo nuove informazioni in merito posteremo un nuovo articolo su questo e quello che accade nel nondo tech..