16 Dicembre, 2019

Ottimizzare la durata della batteria dei nostri iPhone

(Questo articolo prende spunto dalle linee guida disponibili sul sito Apple)

Dite la verità: chi non sognerebbe di avere un iPhone con la batteria che dura quanto quella di un Nokia 3310?!? Ebbene si sa che gli smartphone di ultima generazione consumano una quantità di batteria enorme, e, salvo rari casi, siamo costretti a ricaricarli anche 2 volte al giorno.

Con iPhone XR e XS Max, abbiamo raggiunto dei buoni risultati, cosa che non si può dire per XS, che personalmente trovo inferiore ad X, anche se Apple dichiara un’autonomia di 30 minuti superiore al precedente modello (ndr. Con una batteria meno capiente… 🤔 va beh, per maggiori informazioni, date un’occhiata al mio profilo Twitter)

Apple sul suo sito, stila un elenco di punti utili per migliorare l’autonomia del nostro iPhone, alla quale aggiungo qualche consiglio sulla base della mia esperienza.

Indipendentemente da come utilizzi il tuo iPhone, puoi ottimizzarne l’autonomia in due semplici modi: regolando la luminosità dello schermo e utilizzando il Wi‑Fi.

Per aumentare la durata della carica, riduci manualmente la luminosità del display o attiva l’opzione Luminosità automatica:

  • per ridurre la luminosità, apri il Centro di Controllo e trascina verso il basso il cursore della luminosità;
  • l’opzione “Luminosità automatica” regola automaticamente la luminosità dello schermo in base all’illuminazione esterna. Per attivarla, vai in Impostazioni > Generali > Accessibilità > Regolazione schermo, poi attiva “Luminosità automatica”.

Ricorda che la connessione Wi‑Fi consuma meno energia rispetto alla rete cellulare, quindi tieni attivo il Wi‑Fi quando devi accedere a una connessione dati. Per attivare il Wi‑Fi, vai in Impostazioni > Wi‑Fi e accedi a una rete Wi‑Fi.

Attiva la modalità Risparmio energetico

Introdotta a partire da iOS 9, la funzione Risparmio energetico ti permette di prolungare la durata della batteria quando l’iPhone sta per scaricarsi. Il tuo iPhone ti avverte se la carica scende al 20% e poi di nuovo quando è al 10%: in quel caso ti basta un tap per attivare la modalità a basso consumo, altrimenti puoi abilitarla quando vuoi da Impostazioni > Batteria. Quando è impostato su Risparmio energetico, iPhone riduce la luminosità del display, ottimizza le prestazioni del dispositivo e limita le animazioni di sistema. Le app, compresa Mail, non scaricano i dati in background e funzioni come AirDrop, Continuity e la sincronizzazione iCloud vengono disabilitate. Puoi comunque fare o ricevere chiamate, leggere o spedire email e messaggi, accedere a internet e usare tante altre funzioni. E quando l’iPhone è di nuovo carico, questa funzione si disattiva automaticamente.

Risparmio energetico ottimizza maggiormente la durata della batteria durante la giornata, se si attiva con il dispositivo carico al 100%: si stima un’autonomia aumentata del 20/30% circa.

Controlla i dati sull’utilizzo della batteria

Se hai installato iOS12 e successivi, puoi gestire facilmente la durata della batteria.

Quando il dispositivo non è in carica, infatti, puoi controllare la percentuale di energia utilizzata dalle singole app: devi solo aprire Impostazioni > Batteria.

Sotto il nome delle app che stai usando vedrai in alcuni casi uno dei messaggi spiegati qui di seguito.

1) Attività in background

Indica che la batteria è stata utilizzata dall’app mentre questa era attiva in background, cioè mentre usavi un’altra app.

  • Per aumentare la durata della carica, puoi impedire alle app di aggiornarsi in background: vai in Impostazioni > Generali > Aggiorna app in background, poi scegli tra “Wi-Fi”, “Wi-Fi e dati cellulare” oppure “No”, per disattivare completamente l’opzione.
  • Se l’app Mail è tra quelle attive in background, puoi scegliere di scaricare manualmente i nuovi messaggi o aumentare l’intervallo tra un download e l’altro: vai in Impostazioni > Account e password > Scarica nuovi dati.

2) Localizzazione e Localizzazione in background

Indica che l’app sta usando i servizi di localizzazione.

  • Puoi ottimizzare l’autonomia della batteria disattivando i servizi di localizzazione per quella determinata app in Impostazioni > Privacy > Localizzazione.
  • In Localizzazione trovi elencate tutte le app e le rispettive impostazioni. Vedrai un indicatore accanto ai nomi delle app che di recente hanno usato i servizi di localizzazione.

3) Home e Blocco schermo

Indica che è stata visualizzata la schermata Home o la schermata di blocco. Il display potrebbe essersi attivato perché hai premuto il tasto Home o perché hai ricevuto una notifica.

  • Se le notifiche di un’app fanno attivare spesso il display, puoi disabilitarle in Impostazioni > Notifiche. Seleziona l’app e disattiva “Consenti notifiche”.

4) Nessuna copertura cella o Segnale debole

Significa che ti trovi in un’area con scarsa copertura di rete e che il tuo dispositivo iOS sta cercando un segnale migliore; oppure che hai utilizzato il dispositivo quando il segnale era debole e questo ha ridotto l’autonomia della batteria.

  • Puoi ottimizzare l’autonomia della batteria attivando la modalità “Uso in aereo”. Apri il Centro di Controllo e fai tap sull’icona dell’aeroplano. Se questa modalità è attiva, non puoi fare o ricevere chiamate.

E’ sempre bene non caricare più volte al giorno la batteria, salvo casi di estrema necessità, soprattutto se il livello di carica è superiore al 50%. E’ buona norma invece non lasciare mai scaricare del tutto il dispositivo fino allo spegnimento automatico. Per ottimizzare i cicli di ricarica, iPhone andrebbe ricaricato tra il 20 e il 30% di percentuale residua di batteria.

Screenshot dal sito Apple

Le batterie agli ioni di litio funzionano infatti a cicli di carica: completi un ciclo ogni volta che consumi il 100% della capacità della batteria, ma questo 100% non deriva necessariamente da un’unica carica. Supponi per esempio di aver utilizzato il 75% della batteria durante la giornata, e di averla ricaricata completamente alla sera; se il giorno dopo ne utilizzi il 25%, avrai utilizzato il 100% della batteria: come dire che nei due giorni hai usato un solo ciclo di carica. Per completare un ciclo potrebbero volerci anche parecchi giorni. Dopo un certo numero di ricariche la capacità diminuisce, indipendentemente dal tipo di batteria. Per le batterie agli ioni di litio, la capacità diminuisce leggermente al termine di ogni ciclo di carica. Le batterie Apple sono progettate per conservare almeno l’80% della capacità originale per molti cicli di carica: in media, con un utilizzo standard del dispositivo, si raggiunge la percentuale di capacità massima dell’80% in 1 anno e mezzo circa.

E’ meglio inoltre evitare l’esposizione a temperature estreme: l’intervallo ideale è tra i 16 e i 22 °C. È molto importante evitare di esporlo a temperature ambiente superiori ai 35 °C, che possono danneggiare in modo permanente la capacità della batteria e diminuire la durata della singola carica. Quando viene caricato in un ambiente troppo caldo, il dispositivo può subire danni ancora maggiori. Il software può limitare il livello di carica all’80% se la batteria supera la temperatura raccomandata. E se viene conservata ad alte temperature, la batteria potrebbe rovinarsi in modo irreversibile. Quando il dispositivo viene usato in un ambiente molto freddo, l’autonomia della batteria può risultare a volte inferiore, ma è una condizione temporanea: una volta riportata alle temperature ottimali, la batteria tornerà alle sue normali prestazioni.

Evitate di usare cover di colore scuro durante il periodo estivo, in quanto il colore nero attira il calore e potrebbe maggiormente surriscaldare il dispositivo.

Se la cover è molto protettiva, e notate un surriscaldamento durante la ricarica, è buona norma toglierla durante il processo di caricamento.

Se pensi di non utilizzare il tuo iPhone per un lungo periodo, le condizioni della batteria saranno influenzate da due fattori: la temperatura dell’ambiente e la percentuale di carica della batteria al momento dello spegnimento. Ecco i consigli di Apple in proposito:

  • Non caricare o scaricare del tutto la batteria del dispositivo; caricala circa al 50%. Se riponi un dispositivo con la batteria completamente scarica, potrebbe esaurirsi al punto da rendere impossibile una nuova ricarica. Se invece il dispositivo resta inattivo per un lungo periodo con la carica al 100%, la capacità della batteria potrebbe deteriorarsi e la sua autonomia potrebbe risentirne.
  • Spegni il dispositivo, in modo da impedire che la batteria continui a essere utilizzata.
  • Riponi il dispositivo in un luogo fresco e asciutto, a una temperatura inferiore ai 32 °C.
  • Se pensi di non usare il dispositivo per più di sei mesi, ricordati ogni sei mesi di ricaricarlo al 50%.

A seconda di quanto tempo è rimasto inutilizzato, quando lo riaccendi dopo un lungo periodo il dispositivo potrebbe avere la batteria scarica: prima di poterlo utilizzare potrebbero essere necessari 20 minuti di carica con l’adattatore originale.

Gli iPhone dal modello 8 e successivi sono dotati di ricarica wireless veloce, una comodità se devi ricarica il tuo dispositivo prima di uscire.

Sul sito Apple leggiamo: le batterie agli ioni di litio eseguono una ricarica veloce per raggiungere rapidamente l’80% della capacità, poi passano alla ricarica lenta. Il tempo necessario a ricaricare la batteria fino all’80% della capacità dipende dal tipo di dispositivo e da come l’hai impostato. Il software può limitare il livello di carica all’80% se la batteria supera la temperatura raccomandata. Questo duplice metodo di ricarica permette a te di non dover aspettare troppo, e alla batteria di avere un ciclo di vita più lungo.

Screenshot dal sito Apple

Condividi sui tuoi social
Marco Cereseto

Sono stato “folgorato” dai prodotti Apple nel 2010 con iPhone 3GS, anche se il primo vero prodotto fu iPod nano. Poi da lì ho iniziato ad appassionarmi sempre di più ai prodotti e alla filosofia di Cupertino, fino a diventare esperto di ogni trucco e segreto.

Translate »