Samsung, il principale produttore di smartphone al mondo, avrebbe ridotto la produzione dei suoi dispositivi nell’enorme stabilimento in Vietnam a causa del calo globale dei consumi.

La notizia, riportata da Reuters, cita come fonte i dipendenti. Il ridimensionamento della produzione avviene mentre i rivenditori e i magazzini devono far fronte a un aumento delle scorte.

Secondo il rapporto, il mercato dei magazzini più grande d’America è pieno e i principali rivenditori negli Stati Uniti hanno avvertito del rallentamento delle vendite, dato che gli acquirenti non spendono più come prima e durante il periodo iniziale della pandemia.

Uno degli operai dello stabilimento ha dichiarato alla Reuters: “Lavoreremo solo tre giorni a settimana, alcune linee si stanno adattando a una settimana lavorativa di quattro giorni invece dei sei precedenti e, naturalmente, non sono necessari straordinari”.

L’impianto di produzione nella provincia settentrionale vietnamita di Thai Nguyen è stato il più colpito. Si tratta di una delle due basi di produzione di telefoni cellulari del Paese, dove Samsung produce metà dei suoi smartphone.

Sebbene Samsung abbia dichiarato di non aver discusso la riduzione dell’obiettivo di produzione annuale in Vietnam, il gigante sudcoreano è ottimista sulla domanda di smartphone nella seconda metà dell’anno, poiché durante la conferenza stampa della scorsa settimana ha affermato che le interruzioni delle forniture sono state in gran parte risolte e che la domanda rimarrà piatta o registrerà una crescita a una cifra.

Articolo precedenteRedmi K50S Pro su AnTuTu con un punteggio di oltre 1 milione
Articolo successivoApple, gestione inadeguata delle denunce per cattiva condotta

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui