Apple è stata accusata da ex dipendenti e collaboratori di essere stata omissiva riguardo alla sua cultura interna di bullismo e molestie sessuali. La denuncia è stata pubblicata in un lungo reportage sul Financial Times e contraddice l’immagine che l’azienda cerca di costruire come luogo “inclusivo”.

Secondo quanto riferito da diverse donne, il reparto delle risorse umane di Apple ha semplicemente ignorato le segnalazioni di bullismo, molestie sessuali e mobbing. L’ex dipendente Megan Mohr ha deciso di denunciare il suo trauma all’interno dell’azienda affermando che un collega le ha tolto il reggiseno e le ha fotografato il seno mentre dormiva.

Il caso è avvenuto dopo una riunione Apple, ma quando ha segnalato il caso alle risorse umane, Mohr ha scoperto che il dipartimento lo ha trattato come un semplice incidente.

Mentre quello che ha fatto è stato riprovevole come persona e potenzialmente criminale, come dipendente Apple non ha violato alcuna politica nel contesto del suo lavoro in Apple“, ha dichiarato l’HR in risposta a Megan.

In un’altra testimonianza, una dipendente dell’Apple Store Genius ha affermato di aver subito gravi aggressioni sessuali da parte di un collega, compreso lo stupro, ma le risorse umane non l’hanno trattata come una vittima ma come un problema. L’azienda le ha anche negato il trasferimento in un altro negozio in modo da non avere contatti con l’aggressore.

L’avvocato per la proprietà intellettuale, Margaret Anderson, ha deciso di esporre il suo caso, sostenendo che Apple ha un ambiente di lavoro “tossico” per le donne . Citando la sua situazione come esempio, ha affermato che un vicepresidente voleva licenziarla adducendo false giustificazioni e le risorse umane hanno ignorato il documento che aveva preparato in sua difesa.

Apple è anche accusata di impedire ai suoi dipendenti di lamentarsi di manager problematici e di disuguaglianze retributive all’interno dell’azienda. L’ingegnere informatico Cher Scarlett ha persino presentato una denuncia al National Labor Relations Board, ma la società di Cupertino ha cercato di accedere alla denuncia, offrendo un risarcimento di $ 213.000, per scoprire i nomi degli altri dipendenti che hanno firmato il documento.

La denuncia che ha avuto maggiore risonanza riguarda Jayne Whitt, direttrice dell’ufficio legale di Apple. La donna ha raccontato che un collega è entrato nel suo smartphone e l’ha minacciata di morte, ma Apple ha ignorato le segnalazioni ed ha persino avviato un processo di licenziamento.

In una recente dichiarazione, Apple ha affermato che lavora sodo per indagare a fondo sulle accuse di cattiva condotta e si sforza di creare “un ambiente in cui i dipendenti si sentano a proprio agio nel segnalare qualsiasi problema“. L’azienda ha anche riconosciuto di non aver sempre soddisfatto questi ideali.

Alcune segnalazioni sollevate non rispecchiano le nostre intenzioni o le nostre politiche e avremmo dovuto gestirle in modo diverso, compresi alcuni cambiamenti riportati in questa storia. Di conseguenza, apporteremo modifiche alla formazione e ai processi interni.

Articolo precedenteSamsung taglia la produzione a causa del rallentamento della domanda
Articolo successivoCome riavviare Finder su Mac per risolvere i problemi
La tecnologia, roba da donne: ecco la blogger per promuovere il lato rosa della tecnologia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui