Apple ha presentato l’ultimo nato della sua linea di notebook MacBook dotato del nuovo chipset M2. Un benchmark trapelato ha rivelato l’aumento di prestazioni offerto dal chip M2 rispetto al chip M1 della precedente generazione.

La notizia proviene da un benchmark trapelato su GeekBench che riguardava il MacBook Pro da 13 pollici annunciato di recente dotato del chip M2. Il chip risulta avere una velocità di clock di circa 3,49GHz, superiore ai 3,2GHz del chipset M1. L’M2 è riuscito a ottenere un punteggio di 1919 punti nei test single core e 8928 punti nei test multi score.

In altre parole, l’M2 è stato il 12% più veloce dell’M1 in single core, dato che ha ottenuto solo 1707 punti, e fino al 20% più veloce nei test multi core, con l’M1 che ha ottenuto solo 7419 punti. Ciò indica che l’M2 è complessivamente più veloce dell’M1 del 18% circa, se si considera l’elenco di GeekBench 5. Infine, il chip M2 ha ottenuto 30.627 punti nel benchmark Metal, un risultato di gran lunga superiore ai 21.001 punti dell’M1.

Questo è probabilmente possibile grazie alla GPU a 10 core dell’M2, rispetto a quella a 8 core dell’M1. Al momento, l’ultima generazione del chip proprietario Apple è disponibile solo sul nuovo MacBook Air 2022 e sul MacBook Pro 13 pollici ma si prevede che il colosso di Cupertino annunceràa breve nuovi modelli dotati di M2. 

Articolo precedenteGoogle Meet porta la modalità picture-in-picture su Chrome
Articolo successivoAndroid 13 Beta 3.2 arriva con delle vere correzioni di bug
La tecnologia, roba da donne: ecco la blogger per promuovere il lato rosa della tecnologia.