Da oggi è in roll-out l’aggiornamento al nuovo Android 13 per gli smartphone Google Pixel, si parte dal Pixel 4 fino ad arrivare al Google Pixel 6a lanciato recentemente. L’aggiornamento arriva via OTA, se non vi è arrivata la notifica per aggiornare il sistema recatevi nelle Impostazioni dello smartphone, voce Sicurezza > Aggiornamento di sistema e cliccate sul tasto Verifica aggiornamenti. Per chi invece ha installato la Beta 4.1 di Android 13 riceverà solo un piccolo aggiornamento per portare la versione finale.

Vediamo un po’ di novità che sono state introdotte nella nuova versione. Google non vuole stravolgere la grafica e quanto fatto con Android 12, quindi, in questa versione 13 vedremo solo degli affinamenti e delle nuove funzioni che semplificano l’utilizzo dello smartphone. La prima cosa che si nota è nella schermata di blocco, adesso la notifica del lettore multimediale è grande quasi il doppio e alcuni elementi sono leggermente spostati. Attenzione, per vedere effettivamente il nuovo layout le app devono essere aggiornate a supportare Android 13. Restando a tema audio, viene adottato anche il Bluetooth LE per ottenere meno latenza, migliora qualità e streaming multiplo; le nuove Pixel Buds Pro supporteranno l’audio spaziale con un futuro update.

Anche i toggle rapide nelle notifiche sono stati razionalizzati, il tasto per lo spegnimento e quello delle impostazioni sono stati spostati in basso. Sono stati aggiunti i toggle per attivare/disattivare la modalità ad una mano, attivare lo scanner per i QR Code e quello per la correzione dei colori.

Sono state modificate anche le animazioni di zoom-in delle icone quando sbloccate lo smartphone. Adesso la ricerca universale si estende alle app, collegamenti in app, contatti salvati e ricerca di elementi sul web; rispetto ad Android 12 è cambiato leggermente il design della barra di ricerca. A mio avviso è molto interessante la possibilità di scegliere tramite cosa cercare quando digitate una parola, potete scegliere Google, YouTube, Maps, Play Store o impostazioni del device; una funzione che velocizza l’utilizzo dello smartphone.

Con Android 13, anche gli appunti che copierete avranno la stessa animazione a bolla degli screenshoot che vi chiede se volete condividere o modificare il testo; il tasto a forma di bolla sarà mostrata in basso a sinistra. La novità più importate però riguarda l’atteggiamento verso notifiche da parte delle app, alla prima apertura dell’app dovrete accettare o declinare l’invito dell’app a ricevere le notifiche. Fino ad oggi accadeva proprio il contrario, le notifiche delle app erano abilitate di default e si potevano disabilitare in un secondo momento.

Sono state introdotte altre novità a livello di impostazioni di sistema come:

  • poter utilizzare una lingua differente per ogni app in modo indipendente da quella di sistema;
  • QuickTap (Pixel 5 in su), può attivare o disabilitare la torcia;
  • nuova interfaccia utente per device con lettore di impronte fisico sul retro;
  • la batteria deve essere minimo al 10% per poter attivare il risparmio energetico automatico;
  • la modalità BedTime di Digital Wellbeing può abbassare la luminosità dello sfondo;
  • le app che chiedevano accesso a tutti i file multimediali adesso sono limitate a foto/video e musica/audio;
  • nuova interfaccia della sezione Sicurezza e Privacy basata sul Security Hub dei Pixel;
  • i menù di sicurezza hanno una nuova grafica;

Ricapitolando, gli smartphone Google Pixel che stanno ricevendo l’aggiornamento sono: Pixel 4, Pixel 4 XL, Pixel 4a, Pixel 4a 5G, Pixel 5, Pixel 5a, Pixel 6, Pixel 6 Pro e Pixel 6a. Per quanto riguarda tutti gli altri brand di smartphone l’aggiornamento ad Android 13 sarà disponibile da fine anno; quest’anno Google ha rilasciato in anticipo la nuova versione di Android rispetto gli anni precedenti.

Articolo precedenteNezuko Kamado (Advanced Demon Form) si unisce a Demon Slayer -Kimetsu no Yaiba- The Hinokami Chronicles
Articolo successivoPieghevoli Samsung: trapelato in rete il video di uno smartphone arrotolabile
Ho varie passioni che ruotano intorno alla tecnologia come gli smartphone, i PC e i videogiochi ma con la diffusione delle cuffie wireless mi sono avvicinato sempre di più al mondo dell'audio fino a rimanerne stregato e diventarne un grande appassionato.