Secondo il New York Times, Elon Musk accusa Twitter di frode per aver nascosto il numero reale di bot sulla sua piattaforma. Nell’ultima puntata della saga Twitter VS Musk, il team del capo di Tesla ha affermato in un documento legale che il 10% degli utenti attivi giornalieri del social network che vedono gli annunci sono account non autentici. Come si ricorderà, Twitter sostiene da tempo che i bot rappresentano meno del cinque per cento della sua base di utenti e Musk ha messo in stand-by il suo progetto di acquisizione del social network a metà luglio per confermare se ciò è esatto. 

Il capo di Tesla e SpaceX, che è anche un prolifico utente di Twitter, ha lanciato un’aggressiva acquisizione del social network in aprile, dopo essere diventato il maggiore azionista della società. Sebbene Twitter abbia accettato rapidamente la sua offerta, poco dopo i due si sono scontrati sul numero di account falsi presenti sulla piattaforma, accusando l’azienda di non avergli dato accesso a informazioni sufficienti per verificare il numero di bot presenti sulla piattaforma. In risposta, Twitter gli ha dato pieno accesso ai suoi dati interni, ma alla fine Musk ha dichiarato alla Securities and Exchange Commission di voler sospendere l’acquisizione per le “dichiarazioni false e fuorvianti” fatte dal social network. 

Twitter ha citato in giudizio il suo maggiore azionista per aver tentato di tirarsi indietro dall’accordo di acquisizione da 44 miliardi di dollari, dichiarando al tribunale che Musk sta violando ingiustamente il loro accordo. Il social network ha accusato Musk di essersi tirato indietro perché le azioni di Tesla e Twitter sono scese a causa della crisi economica e “l’accordo che ha firmato non serve più ai suoi interessi personali”.

In questo nuovo documento, il gruppo di Musk ha dichiarato che i suoi analisti hanno trovato un numero di account non autentici molto più alto di quanto dichiarato da Twitter utilizzando il Botometer. Si tratta di un algoritmo di apprendimento automatico progettato dall’Università dell’Indiana che “controlla l’attività degli account Twitter e assegna loro un punteggio in base alla probabilità che siano bot”. Gli avvocati di Musk hanno affermato che il social network ha nascosto il problema dei bot per convincere Musk ad accettare di acquistare la società “a un prezzo gonfiato”.

"Twitter contava male il numero di account falsi e di spam sulla sua piattaforma, come parte del suo schema per ingannare gli investitori sulle prospettive dell'azienda. Le rivelazioni di Twitter si sono lentamente disfatte, con Twitter che ha freneticamente chiuso i cancelli delle informazioni nel tentativo disperato di impedire a Musk di scoprire la sua frode", affermano i legali di Musk.

Twitter ha risposto con un proprio documento legale, definendo le sue affermazioni “di fatto inaccurate, giuridicamente insufficienti e commercialmente irrilevanti”. L’azienda ha affermato che il Botometer (Botometro) è inaffidabile e che una volta aveva assegnato all’account Twitter di Musk un punteggio che indicava “un’alta probabilità di essere un bot”. La causa di Twitter contro Musk sarà discussa in tribunale a ottobre.

Restate sintonizzati sui nostri canali ed appena avremo nuove informazioni in merio posteremo un nuovo articolo.

Articolo precedenteHuawei Mate 50 Series, possibile debutto a settembre
Articolo successivoChiamate spam, procuratori generali USA contro gli operatori

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui