YouTube ha introdotto un nuovo strumento per rendere più facile per i creatori trasformare i normali video in video brevi, secondo quanto annunciato in un aggiornamento della comunità. Se avete caricato uno dei vostri video, vedrete un nuovo strumento sotto la voce “Crea” chiamato “Modifica in Short” proprio all’interno dell’app principale. Questo strumento consente di selezionare fino a 60 secondi di video e di portarlo direttamente nell’editor Shorts, dove è possibile aggiungere filtri di testo o video aggiuntivi, per poi caricarlo come video breve. 

Dopo aver caricato il video breve, questo si collega al video completo da cui è stato tratto tramite il link “Created from” in fondo al video. In questo modo i creatori possono utilizzare i corti come strumenti promozionali per il video principale, contribuendo ad aumentare le visualizzazioni e il coinvolgimento. Tuttavia, lo strumento funziona solo sui propri contenuti, a differenza di Cut, che consente di remixare i contenuti di qualsiasi video. 

L’immenso successo di TikTok ha costretto tutti i social network a rispondere in qualche modo ma non tutte le soluzioni testate hanno riscosso il successo sperato o immaginato. Instagram, ad esempio, ha di recente fatto marcia indietro sulle sue funzioni simili a TikTok, come il feed a schermo intero e i post raccomandati, ufficialmente in seguito a una significativa reazione da parte degli utenti. YouTube è probabilmente meno minacciato da TikTok, poiché offre contenuti più lunghi che attirano un pubblico diverso. Il nuovo strumento dimostra però che può avere la botte piena e la moglie ubriaca, consentendo ai creatori di offrire i corti come forma di pubblicità per i loro contenuti principali. 

Vedremo quali altre novità i vari social network inseriranno nel tentativo di primeggiare in questa accesa competizione. Noi continueremo a condividere le novità in merito a questo e in generale a quello che riguarda il mondo della tecnologia, perciò continuate a seguirci per saperne di più.

Articolo precedenteXiaomi 12S Ultra, il sensore IMX989 non è poi così grande
Articolo successivoTwitter testa nuove opzioni per post con foto, video e altro
La tecnologia, roba da donne: ecco la blogger per promuovere il lato rosa della tecnologia.