YouTube con il programma Creator Music vuole aiutare i creator a risolvere il problema del copyright, questione non da poco. Vediamo tutti i dettagli.

Molti creator evitano di includere nei loro video frammenti di musica per evitare severe sanzioni applicate da YouTube, come la rimozione dei contenuti, la demonetizzazione e altro ancora. La questione è rilevante ma questo sta per cambiare con il nuovo programma “Creator Music” di YouTube, che è già in fase di test sulla piattaforma video più grande del mondo.

Avevamo già fatto cenno della novità quando abbiamo parlato della modifica che YouTube apporterà al suo Partner Program che consentirà ai creator di Shorts di guadagnare di più dato che l’azienda condividerà con loro le entrate pubblicitarie, ma vale la pena approfondire cos’è Creator Music.

Il programma Creator Music di YouTube consente ai creator di aggiungere musica con licenza o protetta da copyright ai propri video pagando un importo per utilizzare la traccia. Gli youtuber potranno pagare in anticipo questa quota e mantenere la monetizzazione dei propri video, evitando così blocchi o penalità su YouTube, che attualmente detrae il 45% delle entrate in commissioni e ne trasferisce il 55% ai creator.

Un’altra opzione a disposizione dei creator è quella di condividere le entrate del video con l’artista del brano, evitando così il costo iniziale, ma in questo caso il profitto viene diviso 50-50 con YouTube e il creatore otterrà solo il 27,5%.

Creator Music è in fase di beta test negli Stati Uniti e dovrebbe espandersi in più regioni del mondo nel 2023. YouTube afferma di aver già concluso accordi con etichette discografiche, editori e distributori e che centinaia di migliaia di brani saranno disponibili attraverso il programma così che i creator possano avere accesso a un catalogo in continua crescita di musica da utilizzare nei video di lunga durata.

Articolo precedenteWindows 11 Build 25206 porta la frequenza dinamica sui display esterni
Articolo successivoFitbit, solo account Google per i wearable dal 2025
La tecnologia, roba da donne: ecco la blogger per promuovere il lato rosa della tecnologia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui