Xiaomi sta perdendo terreno nel mercato globale e questa settimana ha annunciato che le sue entrate sono diminuite del 4,6% nel primo trimestre del 2022 per raggiungere 73,4 miliardi di yuan. Tenendo conto della storia del brand, questa è la prima volta che le vendite di smartphone sono diminuite all’inizio di un anno.

Xiaomi ha registrato ancora una perdita netta di 587,6 milioni di yuan nel trimestre, in aumento rispetto a un profitto di 7,8 miliardi di yuan dell’anno precedente.

Secondo i principali analisti di mercato, questo calo di Xiaomi si sta verificando a causa del lungo periodo di lockdown in Cina. La chiusura delle fabbriche ha ostacolato la produzione dell’azienda e questo ha anche ridotto l’intenzione di acquisto dei consumatori cinesi.

D’altra parte, mentre Xiaomi e altre aziende cinesi stanno vivendo difficoltà interne, aziende come Samsung e Apple stanno cogliendo l’occasione per crescere. Un esempio in tal senso è che il produttore coreano è riuscito a “prendere la corona” da Xiaomi nel mercato indiano.

La pandemia di Covid in Cina ha avuto un forte impatto sulle nostre operazioni e sulla nostra logistica. Ha anche danneggiato la volontà dei consumatori di acquistare telefoni. Anche i problemi logistici hanno ostacolato le nostre spedizioni globali.

Con un minor numero di dispositivi Xiaomi che hanno raggiunto il mercato globale, Samsung è stato il principale beneficiario delle vendite di telefoni di fascia media ed entry-level, mentre Apple ha guadagnato spazio nel segmento premium.

I cinesi hanno anche sottolineato che la guerra in Ucraina potrebbe danneggiare i suoi numeri globali, poiché la maggior parte dei smartphone venduti nel Paese provengono dalla Cina.

Concentrati su altri dispositivi

Con le vendite in calo nel reparto smartphone, Xiaomi ha cercato di sopperire al problema ampliando la vendita di dispositivi domestici e smart.

Xiaomi ha avuto un “forte impulso” nella vendita di smart TV, tablet, laptop ed elettrodomestici connessi, hanno affermato alcuni analisti.

Tuttavia, poiché la maggior parte delle entrate del brand proviene dai servizi MIUI su smartphone, Xiaomi deve trovare un modo per riprendere la crescita nei prossimi trimestri.