Ciao amici e REVOT3CH a tutti! Oggi vediamo insieme il Vivo V23 5G, smartphone molto giovanile che ha come cavallo di battaglia la sua super selfie camera con doppio flash LED. Quanto siete disposti a pagare per avere una selfie camera come questa? Non ci riferiamo solo al prezzo effettivo del device ma anche ad alcune rinunce con le quali dovrete convivere se acquisterete questo Vivo V23 5G. Scopriamolo più nel dettaglio nella recensione completa!

Confezione

In confezione troviamo: lo smartphone, un cover trasparente in silicone, cavo USB-C, alimentatore da 44W, adattatore type-c a jack audio 3.5mm, auricolari openfit a filo, manualistica rapida e tool per accedere al vano SIM (solo dual SIM).

Design e display

Vivo V23 5G ha un design che segue le forme degli ultimi iPhone, ha linee rettangolari che curvano lungo i quattro bordi; assomiglia moltissimo anche all’Oppo Reno 6 5G che abbiamo avuto di provare l’anno scorso. È un device davvero gradevole alla vista e che si fa maneggiare con piacere viste le dimensioni di: 157,2 x 72,4 x 7,4 mm per un peso di 179gr. Il frame è in metallo mentre sia anteriormente che posteriormente è realizzato in vetro; la back cover offre dei bei giochi di luce ma solo nella colorazione chiara.

Il display è un AMOLED da 6,44” in risoluzione FHD+ con supporto all’HDR10+ e refrash rate a 90Hz interrotto da un notch nella parte alta centrale. Non è protetto dal classico vetro Gorilla Glass bensì da un Schott Xensation Up. Il pannello è di buona qualità, i colori sono belli, c’è un buon livello di dettaglio e sotto la luce del sole si vede molto bene. Siamo rimasti un po’ delusi dall’audio mono, ha una buona qualità ma visto il prezzo un audio stereo ci poteva stare. Il sensore di impronte sotto il display funziona molto bene.

Esperienza d’uso e software

Il Vivo V23 5G è mosso dal SoC MediaTek Dimensity 920 (6nm) con GPU Mali-G68 MC4, supportato da 12GB di RAM e 256GB di storage. Si tratta di una piattaforma mobile che abbiamo già visto e anche su questo Vivo V23 5G non delude affatto, infatti, le performance sono solide e non ci sono momenti di indecisione durante l’utilizzo. L’efficienza di questo chip è davvero buona, i consumi sono bassi e le performance sono stabili anche con utilizzo stress.

Rispetto l’ultima volta che abbiamo avuto modo di provarla, la Funtouch OS 12 basata su Android 12 è migliorata molto raggiungendo una discreta maturità, non siamo ancora ai livelli della OceanOS della versione cinese ma siamo sulla buona strada. In qualche caso abbiamo visto qualche piccolo momento di gommosità che non abbiamo gradito moltissimo ma non è nulla di drammatico. La UI risulta molto leggera e semplice con qualche piccola personalizzazione grafica, ad esempio, sono presenti diverse icone che potete utilizzare per lo sblocco biometrico.

Foto e video

Nel blocco posteriore troviamo tre sensori: principale da 64MP f/1.9, grandangolare da 8MP f/2.2 e macro da 2MP f/2.4; frontalmente troviamo la sua killer feature, la super selfie camera con sensore da 50MP f/2.0 abbinato ad un sensore grandangolare da 8MP f/2.3 il tutto supportato dal doppio flash LED.

Gli scatti con il sensore principale sono di buona qualità, mentre il sensore grandangolare lascia un po’ a desiderare e da utilizzare solo con buona luce. Invece, il sensore macro ha un risoluzione davvero troppo bassa per effettuare degli scatti interessanti. Anche di sera il sensore principale se la cava bene anche se manca la stabilizzazione ottica. I video possono essere registrati massimo in 4K a 30fps e la qualità generale è buona, è possibile attivare l’ultra stabilizzazione per un filmato più stabile.

Veniamo adesso al punto focale dello smartphone, i selfie. Gli scatti sono da top di gamma con colori naturali e dal gradevole effetto bokeh; il sensore grandangolare è buono ma non alla pari del principale da 50 MP, è utili per scattare delle foto di gruppo. I due flash Led aiutano molto negli scatti notturni, inoltre, abbiamo apprezzato molto il tasto per cambiare al volo la temperature colore come più ci aggrada.

Autonomia e ricezione

La batteria da soli 4200mAh per via della scelta da parte dell’azienda di contenere il peso e lo spessore. Tuttavia, l’autonomia è buona consentendo di arrivare sempre a fine giornata senza problemi, solo quando lo stressate davvero potreste aver bisogno di una piccola ricarica intermedia. La ricezione è ottima posizionandosi al pari di Motorola che sappiamo essere un brand top lato ricezione.

Considerazioni finali

Il prezzo di listino del Vivo V23 5G è di 599€. Un prezzo un po’ alto se consideriamo l’hardware al suo interno, la concorrenza utilizza il Dimensity 920 in smartphone di fascia più bassa ed effettivamente questo è lo smartphone più costoso ad utilizzare questa piattaforma. A nostro avviso, il V23 5G è uno smartphone da prendere in considerazione quando scenderà ad un prezzo inferiore ai 400€ per coloro che sono amanti dei selfie oppure devono effettuare vlogging.

Potete acquistare il Vivo V23 5G su Amazon a prezzo scontato.

Ragazzi seguiteci sui Nostri Social, iscrivetevi al canale YouTube Revot3ch

Entrate anche nel Gruppo Telegram e nel Nostro Canale di Offerte, vi aspettiamo!!

Siamo anche su Instagram e Facebook, venite a trovarci!

Un saluto da Zio Bob, Pasqui e Liberato che ha scritto questo articolo.

8.1 / 10 Voto Finale
DESIGN8.5
HARDWARE8
DISPLAY8
FOTOCAMERA8.5
SOFTWARE8
AUTONOMIA8
USO GENERALE8.5
QUALITÀ PREZZO7.5

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui