La soundbar Creative Stage 360 è uno dei metodi più convenienti e pratici per godersi l’audio Dolby Atmos a casa.

PRO
-Il design compatto è supportato da Dolby Atmos.
-Due ingressi HDMI e HDMI ARC

CONTRO
-Non c’è ingresso analogico.

Creative Stage 360 è una piccola combinazione di soundbar e subwoofer che si adatta perfettamente sotto o davanti a qualsiasi TV di dimensioni medie o come un’alternativa economica per chiunque desideri aumentare la qualità audio della propria TV o PC.

Il principale punto di forza della Stage 360 è la sua compatibilità con il sistema audio surround Dolby Atmos, che secondo Creative offre un’esperienza audio 5.1.2 con una configurazione di altoparlanti a 2.1 canali. Tutto sommato dopo le prove fatte offre un’esperienza audio abbastanza coinvolgente.

Design e dotazione

La soundbar misura 565x88x75 mm e il subwoofer cablato è 115x250x422 mm. Essendo molto sottile la soundbar non occupa troppo spazio sotto al televisore e non crea in nessun modo problemi.

Nei connettori sono inclusi una porta HDMI ARC, due ingressi HDMI 2.0 e un connettore S/PDIF ottico. Il connettore da 3,5 mm e la porta USB-C sono stati rimossi rispetto al modello precedente, ma Bluetooth 5.0 è incluso per lo streaming di musica wireless dal tuo telefono, tablet o laptop. Nel complesso, è una soundbar economica ben collegata, nonostante la perdita di una manciata di connettori.

Un telecomando a infrarossi alimentato a batteria integra i pulsanti fisici sulla parte superiore della barra, anche se le batterie non sono incluse. Il telecomando è ben progettato e facile da usare, con funzionalità come il passaggio da una sorgente all’altra, la modifica delle modalità audio, la regolazione del volume e l’accesso alla modalità di connessione Bluetooth.

Quando Stage 360 è collegata al televisore tramite HDMI ARC, puoi invece gestire il volume utilizzando il telecomando del televisore, ma ti perderai le impostazioni audio più dettagliate e utili. Per collegare Creative Stage 360 al televisore questa viene fornita con un cavo ottico e un cavo di alimentazione, ma non un cavo HDMI.

Come suona Creative Stage 360?

Con una potenza fino a 60 W RMS e un subwoofer che genera una potenza di uscita totale fino a 120W RMS, Creative Stage 360 emette una potenza di picco complessiva fino a 240W. È molto di più del modello precedente.

Quando ho spinto entrambe le soundbar ai loro estremi, la differenza era evidente, anche se è improbabile che tu voglia andare così forte la per la maggior parte del tempo e quindi tutta questa grinta extra potrebbe non essere davvero essenziale. Tuttavia, se stai pianificando una grande serata stile cinema, apprezzerai l’intensità e il volume che la Stage 360 può offrire nei momenti d’azione senza distorsioni.

Nonostante sia un sistema a 2.1 canali, Stage 360 articola con successo l’audio Atmos. I segnali audio sono posizionati con precisione a sinistra e a destra. A causa della mancanza di altoparlanti rivolti verso l’alto si ha un’impressione confusa del suono proveniente da sopra di te. Sebbene questa combinazione offra un’esperienza più coinvolgente rispetto alla V2 in modalità Surround, non è ancora all’altezza di un vero sistema di altoparlanti surround. Dolby Atmos può solo compensare i vincoli di una soundbar 2.1 e una disposizione del subwoofer.

Creative Stage 360 lavora ancora bene con musica non Atmos, ma i suoi miglioramenti rispetto alla V2 sono meno evidenti. I registri più alti forniscono ampia chiarezza e il subwoofer isolato ha una potenza adeguata per gestire l’azione dei bassi sullo schermo. A volumi più bassi, tuttavia, ho trovato alcune conversazioni difficili da capire, cosa in cui l’opzione “Dialog” della Stage V2 avrebbe aiutato. Sfortunatamente, l’opzione non è arrivata alla 360; invece è possibile scegliere tra le modalità Movie, Music, Night e Wide.

Wide espande il soundstage ed è la mia impostazione predefinita per la maggior parte delle cose. Non è così appariscente come la modalità Movie, ma preferisco l’ampiezza extra alla più potente riproduzione di fascia bassa. Night è stato creato pensando alla visione a basso volume e, sebbene abbia migliorato la chiarezza della conversazione, lo ha fatto sacrificando la risposta dei bassi. Mi è piaciuto molto di più lo streaming delle playlist di Spotify durante l’utilizzo delle modalità Movie e Wide rispetto all’utilizzo dell’opzione Musica.

È possibile utilizzare il telecomando per regolare separatamente le impostazioni dei bassi e degli acuti. Questa è un’ottima caratteristica da avere, soprattutto se vivi in un appartamento e non vuoi che il tuo subwoofer infastidisca i tuoi vicini.

La presenza di profili audio in campo lontano e vicino, che possono essere scambiati utilizzando particolari pulsanti sul telecomando, è l’ultimo elemento audio degno di nota. Questi ottimizzano l’audio in base a quanto sei vicino alla soundbar: entro 1 m, scegli “Vicino”, mentre più lontano, “Lontano” è l’impostazione da utilizzare. L’impatto è lieve ma raggiunge il suo obiettivo. L’opzione near-field ha fatto sembrare l’audio più distante e confinato quando si è seduti a 3 metri di distanza dalla TV, rendendo la modalità far-field la scelta logica.

Quando si utilizza Stage 360 come soundbar per PC, il soundstage in modalità far-field sembra un po’ prepotente. Quando sono passato alla modalità campo vicino, il palcoscenico sonoro è diventato molto più ristretto e mi è sembrato molto più adatto per l’ascolto a distanza ravvicinata.

Considerazioni finali

A circa 200 euro c’è poco da obiettare riguardo la Creative Stage 360, ma nonostante il prezzo basso mi piacerebbe vedere le batterie per il telecomando e un cavo HDMI inclusi. È anche un peccato che l’ingresso da 3,5 mm e le connessioni USB-C siano state rimosse.

La mia unica altra lamentela è poca cosa, ma sono sicuro di non essere il solo a trovarlo fastidioso: Creative Stage 360 impiega molto tempo per accendersi dallo standby. Anche se trascorrono solo 15 secondi tra la pressione del pulsante di accensione e la possibilità di eseguire i controlli, sembra un’eternità.

Questo mi è stato chiarito da una funzione di risparmio energetico che non è inclusa nella guida di avvio rapido di Stage 360 ma si trova nel sito Web di Creative. Per impostazione predefinita, la soundbar si spegne dopo circa 10 minuti di inattività. Questo è meraviglioso se hai la tendenza a lasciare le cose accese quando vai a letto, ma significa anche per brevi pause dalla visione di qualcosa devi aspettare 15 secondi affinché le parole “Benvenuto” lampeggino sul display a LED prima di poter sentire qualsiasi suono.

Fortunatamente, puoi disabilitare questa funzione tenendo premuto il pulsante della sorgente sulla soundbar per otto secondi, il che significa che devi eseguire il lungo processo di avvio solo una volta ogni sera.

Creative Stage 360 è acquistabile sul sito Creative.

Articolo precedenterealme Pad X è ufficiale con SoC Snapdragon 695
Articolo successivovivo T2X previsto per il lancio il 6 giugno
Fotografo, Web Developer & SEO Expert