Negli Stati Uniti potrebbero terminare presto (anche se sicuramente non prestissimo) i controlli della polizia per la verifica del tasso alcolemico, data la proposta di integrare sulle auto un sistema di monitoraggio apposito.

Il National Transportation Safety Board ha chiesto che vengano presi provvedimenti per migliorare la sicurezza sulle strade e uno di questi dovrebbe essere quello che prevede che tutti i veicoli venduti negli Stati Uniti siano dotati di un sistema per monitorare il livello di alcol nel sangue.

L’NTSB ha già inviato alcune raccomandazioni alla National Highway Traffic Safety Administration. È inutile fare affidamento sulla responsabilità dei conducenti e pensare che non si mettano al volante ubriachi. Le misure adottate fin ora si sono rivelate inefficaci. L’NTSB ha quindi deciso di risolvere la situazione sfruttando la tecnologia.

La presidente dell’NTSB Jennifer Homendy ha dichiarato “Dobbiamo implementare le tecnologie che abbiamo qui e ora per salvare vite umane“.

Secondo alcune statistiche l’anno scorso quasi 43.000 persone sono morte sulle strade degli Stati Uniti. Si tratta del numero più alto degli ultimi 16 anni. Ecco perché le autorità competenti hanno deciso di risolvere immediatamente il problema.

Il sistema integrato per il monitoraggio del livello di alcol nel sangue a cui si pensa dovrebbe rilevare se il conducente ha fatto uso di alcol e in che condizioni si trova al momento della guida.

Inoltre, l’agenzia suggerisce alle case automobilistiche di includere un sistema che prevenga le collisioni dovute all’eccesso di velocità, un altro grande problema e altra causa di gravi incidenti stradali.

Si tratta di argomenti dei quali si discute già da diverso tempo. Dato lo sviluppo rapido delle nuove tecnologie non è impensabile che prima o poi si riesca ad integrare realmente progressivamente tutta una serie di sistemi che garantiscano una maggiore sicurezza in tutte le diverse situazioni del quotidiano.

Articolo precedenteGoogle Play permette di seguire l’avanzamento dell’installazione delle app
Articolo successivoActivision Blizzard, Microsoft fiduciosa che l’acquisizione sarà approvata
La tecnologia, roba da donne: ecco la blogger per promuovere il lato rosa della tecnologia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui