Lo schermo sempre attivo dell’iPhone 14 Pro continua a svelare i suoi segreti. Nuovi sfondi dedicati alla funzione sono stati scoperti dai colleghi di 9to5Mac mentre esploravano iOS 16.

Da diversi tempo sappiamo, ormai si può dire quasi con certezza, che l’iPhone 14 Pro offrirà l’always-on display. Questa nuova funzionalità è possibile utilizzando per la prima volta un pannello LTPO in grado di passare da una frequenza di aggiornamento di 1 Hz a 120 Hz. Ricordiamo che la funzionalità consentirà di visualizzare una certa quantità di informazioni nella schermata di blocco, come il livello di autonomia e il tempo.

Oggi, grazie alla ricerca dei colleghi di 9to5mac, sappiamo qualcosa in più su come funziona lo schermo. Concretamente, quest’ultimo funzionerà più o meno come sugli smartphone Android che offrono l’opzione: una volta bloccato, lo schermo diventa nero e visualizza i widget configurati dall’utente. A questo si aggiungerà una piccola variante made in Apple.

In effetti, ci sono diversi nuovi sfondi all’interno di iOS 16 che differiscono leggermente da quello che stiamo vedendo su iPhone. Questi ultimi, infatti, non sono statici, ma si adattano allo stato in cui si trova lo smartphone. In altre parole, l’immagine si scurisce automaticamente all’attivazione dell’always-on display, in modo da evidenziare meglio le informazioni su di essa.

Pertanto, l’iPhone 14 Pro imiterà il comportamento dell’Apple Watch, che offre già questa funzionalità. Non appena l’utente blocca lo schermo, lo sfondo passa automaticamente a questa modalità Sleep, che lascia l’immagine ancora visibile sullo smartphone seppur scurita. Naturalmente, non appena quest’ultimo viene sbloccato, lo sfondo torna al suo livello di luminosità abituale senza alcun intervento da parte dell’utente.

Resta da determinare quanti di questi sfondi animati Apple offrirà, o se si tratta di una funzionalità che verrà applicata a tutte le immagini.

Articolo precedentePixel 6a, Google pubblica manuale di riparazione in francese
Articolo successivoMeta non pagherà gli editori di notizie statunitensi
La tecnologia, roba da donne: ecco la blogger per promuovere il lato rosa della tecnologia.