Huawei ha registrato presso l’Istituto per la proprietà intellettuale dell’Unione Europea (EUIPO) nuovi dispositivi che potrebbero essere lanciati dall’azienda nei prossimi mesi, tra cui cuffie wireless e un modello di occhiali in grado di interagire con lo smartphone dell’utente.

A quanto pare, il produttore asiatico ha brevettato un progetto che prevede la realizzazione di occhiali simili agli accessori per la realtà virtuale, ma che supportano l’eye tracking, consentendo la navigazione tra le risorse e le informazioni visualizzate sul display, un concetto che potrebbe rivoluzionare questo segmento di dispositivi interattivi.

Denominato “metodo per il controllo di uno schermo e dispositivo elettronico sopra la testa basato sulla messa a fuoco oculare”, il documento evidenzia la possibilità di far avanzare la categoria dei wearable in grado di visualizzare dati in tempo reale davanti agli occhi dell’utente, progetto che non ha ancora fatto grandi progressi.

Anche se sembra un concetto futuristico, decine di aziende stanno cercando di esplorare questa tecnologia con la speranza di sviluppare occhiali intelligenti che consentano loro di interagire con il mondo reale e allo stesso tempo controllare i dati sul tempo, il tempo di viaggio verso casa o parlare con altre persone tramite chiamata.

Nel caso di Huawei, l’accessorio non dà priorità alla portabilità o alla discrezione, puntando a garantire un’esperienza appagante in diverse situazioni. Oltre allo schermo, il dispositivo dispone anche di altoparlanti che verranno utilizzati per riprodurre il suono delle notifiche o il contenuto trasmesso.

Tra i produttori che investono in questi dispositivi c’è OPPO, azienda che nel dicembre dello scorso anno ha annunciato l’Air Glass nel mercato cinese con l’obiettivo di distinguersi in questo settore e attirare i consumatori attraverso una sorta di monocolo che permette loro di visualizzare varie informazioni inviate da smartphone.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui