Google Maps può essere utilizzato non solo per la navigazione e il controllo del traffico. Street View consente di visitare alcune delle aree e dei punti di riferimento più famosi del mondo direttamente dallo schermo di fronte a voi. Questa funzione è un vantaggio quando si pianifica una vacanza in una nuova destinazione internazionale e si ha bisogno di familiarizzare con la località in cui si trova il proprio hotel. Street View è stato lanciato nel 2011 ed è disponibile nella maggior parte dei principali Paesi, ad eccezione dell’India. Nel 2016, citando rischi per la sicurezza, il governo del Paese ha negato a Google il permesso di lanciare la funzione. Sei anni dopo, la grande G sta finalmente rilanciando Street View in India grazie alla collaborazione con due aziende locali.

Google ha stretto una partnership con Genesys e Tech Mahindra per portare Street View in 10 città indiane, con l’intenzione di espandere la funzione a 50 città entro la fine dell’anno. Per ora, Street View in Google Maps è disponibile in Bengaluru, Chennai, Delhi, Mumbai, Hyderabad, Pune, Nashik, Vadodara, Ahmednagar e Amritsar. È la prima volta che Google concede in licenza i dati per le immagini di Street View. Finora ha raccolto i dati necessari per la funzione distribuendo i propri veicoli dotati di una serie di telecamere.

L’azienda ha potuto rilanciare Street View dopo il debutto della politica geospaziale in India lo scorso anno. In base alla nuova normativa, le aziende locali possono raccogliere dati con un certo livello di fedeltà e possono poi concederli in licenza a terzi che possono integrarli nei loro servizi. Da parte sua, Google sta aprendo l’API di Street View agli sviluppatori locali.

Inoltre, Google sta collaborando con le autorità locali del traffico in diverse città indiane per mostrare i limiti di velocità e promuovere una guida sicura. La funzione verrà lanciata per la prima volta a Bengaluru, dove le due entità lavoreranno anche per ottimizzare e ridurre i tempi di attesa dei segnali. Inoltre, la grande G ha stretto una partnership con le autorità del traffico e gli aggregatori di Delhi, Kolkata e altre sei città indiane per visualizzare informazioni sulla chiusura delle strade e sugli incidenti.

Articolo precedenteLa cooperazione tra uomo e macchine è davvero possibile?
Articolo successivoRecensione HP Spectre x360 14 OLED: ha senso acquistarlo nel 2022?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui