Secondo quanto riportato da CNET, Google ha citato in giudizio Sonos, sostenendo che il suo nuovo assistente vocale viola sette brevetti relativi alla sua tecnologia Google Assistant. Si tratta dell’ultimo atto di una lunga battaglia tra le due aziende nel campo degli altoparlanti intelligenti, che ha visto ciascuna citare e controdenunciare l’altra dopo un periodo di collaborazione. 

“Sonos ha avviato una campagna aggressiva e fuorviante contro i nostri prodotti, a spese dei nostri clienti comuni”, ha dichiarato un portavoce di Google in un comunicato. 

L’assistente Voice Control di Sonos è arrivato a giugno e consente agli utenti di impartire comandi con la frase “Hey Sonos”, proprio come Alexa di Amazon o Google Assistant. Nella denuncia, Google afferma di aver “lavorato per anni con gli ingegneri di Sonos all’implementazione del riconoscimento vocale e del controllo dei dispositivi ad attivazione vocale nei prodotti Sonos… fornendo persino il suo software Google Assistant a Sonos per molti anni”. 

Lo scontro è scoppiato all’inizio del 2020, quando Sonos ha citato in giudizio Google per presunta violazione di brevetto dopo che le aziende avevano collaborato per diversi anni. Sonos ha sostenuto che Google ha acquisito la conoscenza della sua tecnologia durante la collaborazione e ha utilizzato tali informazioni per sviluppare la propria linea di smart speaker. L’azienda ha intentato un’altra causa nel settembre 2020, sostenendo che Google ha violato altri cinque brevetti. 

Google ha presentato un controricorso, sostenendo che Sonos utilizzava la tecnologia di ricerca, software, rete, elaborazione audio e altre tecnologie di Google senza pagare una licenza e facendo “false affermazioni” sul loro lavoro comune.

Nel 2021, la US International Trade Commission ha stabilito che Google ha violato cinque brevetti di Sonos. Ciò ha costretto Google a modificare la configurazione dei suoi altoparlanti per evitare un divieto di importazione. La maggior parte di essi riguardava il modo in cui vengono controllati i gruppi di altoparlanti: ad esempio, gli utenti non possono più modificare il volume di un gruppo di altoparlanti e devono invece regolarli singolarmente. 

“Google ci ha già fatto causa in tutto il mondo e Sonos ha prevalso in tutti i casi decisi”, ha dichiarato Eddie Lazarus, responsabile legale di Sonos, a CNET. “Le ultime azioni legali sono una tattica intimidatoria progettata per vendicarsi di Sonos per aver parlato contro le pratiche monopolistiche di Google”. 

Articolo precedenteWindows 11 build 22000.856 risolve i problemi del menu Start
Articolo successivoMercato smartphone: Q2 India calo del 5% rispetto al Q1 2022
La tecnologia, roba da donne: ecco la blogger per promuovere il lato rosa della tecnologia.