Le cuffie wireless over ear Hesh ANC di Skullcandy hanno sulla carta delle ottime caratteristiche ad un costo contenuto. Tanto per cominciare hanno cancellazione attiva del rumore e già questo di solito fa lievitare il prezzo; sono wireless con Bluetooth 5.0, hanno ricarica rapida, Tile incorporato, potenti driver da 40 mm e una buona durata della batteria. Insomma, si presentano più che bene! Saranno all’altezza delle aspettative?

Design e dotazione

A livello di design nel colore nero appaiono molto discrete, diversamente da quanto spesso accade con i prodotti Skullcandy, ma già nella versione White sono più appariscenti.

Sono molto leggere, con dei padiglioni morbidi, archetto regolabile ed imbottito nella parte centrale. L’imbottitura non appare molto generosa, ma in generale il materiale è buono. Esternamente i padiglioni sono gradevolmente lisci e non trattengono le impronte. Tutti i comandi sono posizionati sul padiglione destro; si tratta di tasti fisici che per chi è ormai avvezzo al touch potrebbero sembrare leggermente duri ma che secondo me sono giusti. I simboli + e – sono rialzati, così come il simbolo per la modalità Ambient e ANC. In basso abbiamo poi la porta di ricarica USB C e l’entrata del cavo Aux. Le cuffie sono wireless, ma nulla vieta di poterle collegare.

In generale le ho trovate molto comode e stabili. Una cosa che mi piace e che trovo veramente pratica parlando di cuffie è che si ripiegano, in modo da occupare meno spazio ed essere riposte più facilmente.

In dotazione abbiamo il cavo di ricarica, il cavo AUX, una borsa in cui riporle foderata con tessuto morbido e dotata di piccolo scomparto per i cavi, manuale d’uso.

Batteria, funzioni e qualità audio

La durata della batteria è buona e l’utilizzo rispecchia quanto dichiarato, siamo ovvero sulle 22 ore circa a volume medio. È dunque in linea con altri modelli presenti sul mercato anche se un grosso vantaggio è rappresentato dalla ricarica rapida e dal fatto che con soli 10 minuti di ricarica possiamo ottenere 3 ore circa di ascolto.

Tutte le funzioni si gestiscono mediante i tasti fisici presenti sul padiglione destro. Il primo tasto, col cerchio come simbolo, serve per il pairing inziale (pressione lievemente prolungata), per attivare o disattivare la funzione ANC (singola pressione), per attivare o disabilitare la funzione Ambient (doppia pressione) ovvero quella funzione che consente di sentire i rumori ambientali.

Col tasto + è possibile andare alla traccia successiva o alzare il volume, col tasto – abbassare il volume o tornare alla traccia precedente, mentre col tasto nel mezzo fra + e – accendiamo o spegniamo le cuffie, mettiamo in pausa (singola pressione), rispondiamo o riattacchiamo ed attiviamo l’assistente vocale. I tasti per me si individuano bene col tatto, anche se sono piuttosto ravvicinati; bisogna solo farci l’abitudine e fare mente locale sul fatto che con lo stesso tasto si attivano diverse funzioni, quindi distinguere fra pressione e pressione prolungata.

A livello di ascolto e qualità audio le Hesh sono molto soddisfacenti, con un suono pulito e ricco che consente di apprezzare i dettagli, bassi presenti, alti e voci chiare. La cancellazione attiva del rumore funziona molto bene e migliora l’esperienza d’uso permettendo davvero di isolarsi e di concentrarsi esclusivamente sull’ascolto. Si possono apprezzare un po’ tutti i generi musicali.

Il segnale è stabile ed anche le chiamate sono buone. Il Tile integrato è sempre comodo, in caso di smarrimento.

Conclusioni

Le cuffie Hesh ANC di Skullcandy hanno rispettato le promesse. La qualità audio è molto buona soprattutto se relazionata alla fascia di mercato in cui ci troviamo e la funzione ANC offre la possibilità di immergersi nell’ascolto isolandosi da tutto e tutti; la durata della batteria è nella media ma la ricarica rapida è un punto in più. La qualità dei materiali non è premium ma è buona, compromesso accettabile per delle cuffie wireless con ANC sotto i 150 euro.

Se volete le Hesh ANC sono acquistabili sul sito ufficiale Skullcandy e sul sito Athena al prezzo di 129,99 euro.

8.1 / 10 Voto Finale
DESIGN7.5
MATERIALI7.5
USO GENERALE9
QUALITÀ PREZZO8.5
Articolo precedenteRecensione NAS Cubbit – Sistema di archiviazione dati Peer2Peer
Articolo successivoAdobe pubblica il rapporto globale sulla diversità e l’inclusione delle emoji
La tecnologia, roba da donne: ecco la blogger per promuovere il lato rosa della tecnologia.