Apple si sta muovendo per espandere la sua produzione al di fuori della Cina, ha riportato il Wall Street Journal lo scorso sabato. I produttori a contratto sono stati informati dei piani che erano stati nella mente di Apple da prima della pandemia. Sebbene il brand abbia già una produzione in India e Vietnam, la Cina ha le strutture più grandi (Foxconn e Pegatron) e l’idea è di cambiare gradualmente tale status.

Uno dei catalizzatori di questo processo è stata una recente crisi di severi lockdown a Shanghai che ha ribadito la necessità di diversificare geograficamente la produzione.

Altri motivi includono i rischi geopolitici della Cina e la sua guerra commerciale con gli Stati Uniti. Tuttavia, è difficile per qualsiasi altro paese competere poiché solo la Cina è abbastanza grande da soddisfare i massicci requisiti di ordinazione di Apple.

Il passaggio a centri di produzione alternativi come l’India o il Vietnam, quindi, deve essere lento e graduale. Per Apple, ciò significa che è probabile che la catena di approvvigionamento per i nuovi prodotti, come il visore VR promesso, sia prevalentemente basata al di fuori della Cina.

I partner di produzione di Apple come Foxconn hanno già stabilito strutture in India per aiutare a produrre iPhone per il mercato interno locale. Un’ulteriore espansione vedrebbe iPhone realizzati in India e poi esportati per la vendita globale.