Pegatron, uno dei principali fornitori di Apple, ha smentito le voci su un possibile blocco delle esportazioni da e per la Cina. Le voci hanno iniziato a circolare dopo che un dirigente della società ha incontrato la speaker della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taiwan.

Secondo Pegatron, tutta la sua produzione con sede in Cina continua normalmente e nessun prodotto è stato escluso dalle autorità cinesi.

Il vicepresidente di Pegatron Jason Cheng ha incontrato Nancy Pelosi mercoledì scorso ad un pranzo ospitato dal presidente di Taiwan Tsai Ing-wen, dove tra gli ospiti c’erano anche il fondatore di TSMC Morris Chang e il presidente Mark Liu.

La visita di Pelosi continua a suscitare reazioni da parte della Cina, che attualmente sta svolgendo esercitazioni militari molto vicino al territorio di Taiwan. Ieri alcuni aerei cinesi e persino navi hanno invaso lo spazio aereo e marittimo dell’isola.

Questa tensione in Asia ha preoccupato Apple e molti altri produttori, e questa settimana lo stesso colosso di Cupertino ha inviato una dichiarazione ai suoi fornitori taiwanesi invitandoli ad attenersi alla normativa cinese.

Apple ha chiesto che i componenti prodotti a Taiwan debbano essere etichettati come “Made in Taiwan, China” o in “Taipei Cinese“. In pratica, lo sforzo dell’azienda è quello di indicare che l’isola fa parte della Cina continentale e non è un paese indipendente.

La situazione è certamente delicata e rischiano di saltare diversi equilibri. Teniamo presente che già la situazione a livello globale è abbastanza complessa a causa di diversi fattori, economici e politici, che inevitabilmente si intersecano. Apple è giustamente preoccupata, e il progetto di produrre anche in altri Paesi, come l’India, potrebbe riflettere anche queste preoccupazioni. Come l’azienda di Cupertino anche gli altri produttori osservano con attenzione l’evolversi delle diverse situazioni a livello mondiale, ma le preoccupazioni non dovrebbero essere solo loro, ma anche nostre.

Staremo a vedere cosa accadrà e non mancheremo di condividere altre informazioni in merito.

Articolo precedenteSamsung Galaxy A23 5G è ufficiale
Articolo successivoGoogle Meet avrà una scorciatoia per UNO, Spotify e YouTube
La tecnologia, roba da donne: ecco la blogger per promuovere il lato rosa della tecnologia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui