Come tutti i giganti della tecnologia, Apple non è nuova alle multe. Di recente, l’assenza di un caricabatterie nella confezione ha portato a una condanna. Altre volte, però, sono i vecchi utenti a fare i conti con l’azienda. Ricordiamo che nel 2017 uno scandalo ha danneggiato l’immagine di Apple, accusata di aver deliberatamente ridotto le prestazioni dei suoi iPhone.

I modelli interessati sono iPhone 6, 6 Plus, 6S, 6S Plus, SE, 7, 7 Plus, 8, 8 Plus e iPhone X. Per fare questo, il produttore ha introdotto uno strumento di gestione delle prestazioni nei suoi aggiornamenti del firmware per rallentare gli smartphone. Se questo processo è già di per sé discutibile, lo è ancora di più perché Apple non ha avvertito gli utenti della sua implementazione.

Inoltre, mentre l’azienda sosteneva che i suoi aggiornamenti miglioravano le prestazioni degli iPhone, in realtà si è scoperto che stava accadendo l’esatto contrario. Dopo le scoperte di utenti e giornalisti, scoppia la polemica che costringe Apple a scusarsi. Il brand conferma le dichiarazioni, ma sostiene di aver agito in questo modo solo per il bene dei consumatori. In effetti, questo processo avrebbe avuto lo scopo di prolungare la vita delle batterie e la loro autonomia.

Oggi Justin Gutmann, un attivista per i diritti dei consumatori, ha riesumato il caso per portarlo in tribunale. In una denuncia presentata di recente, chiede 750 milioni di sterline, pari a 870 milioni di euro, come risarcimento per gli utenti colpiti dalla restrizione. Justin Gutmann sostiene che Apple ha deliberatamente nascosto il vero funzionamento dello strumento per non allarmare i consumatori.

“Non abbiamo mai fatto – e non faremmo mai – nulla per accorciare intenzionalmente la vita di un prodotto Apple, né per degradare l’esperienza dell’utente al fine di spingere i clienti ad aggiornarsi”, ha risposto Apple “Il nostro obiettivo è sempre stato quello di creare prodotti che i nostri clienti amano e far durare gli iPhone il più a lungo possibile è una parte importante di questo obiettivo”. Gli iPhone ora includono un report nel menu delle impostazioni, alla voce “salute della batteria”  che rivela se la limitazione è attiva. Ricordiamo che Apple non è nuova ad un’accusa del genere e che l’anno scorso, l’azienda ha nuovamente affrontato le accuse di throttling per l’iPhone 11 e 12.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui